News

CORONAVIRUS, A CASTEL VOLTURNO I KALIFOO GROUND INFORMANO I BRACCIANTI.

I membri della band musicale consegnano anche pacchi alimentari alle famiglie in difficoltà.

 

Il furgone, un microfono e un amplificatore. E via per le periferie e per le campagne di Castel Volturno, in provincia di Caserta, a spiegare ai migranti della zona -molti dei quali braccianti– quali sono le misure igienico-sanitarie da seguire per evitare il contagio da Covid-19 e quali le disposizioni del Governo sugli spostamenti. A svolgere questa fondamentale attività durante l’emergenza, in un contesto sociale dove di informazione ce n’è pochissima, sono i Kalifoo Ground. Un’associazione di volontariato, costituita da due italiani e tre rifugiati di diversi paesi africani, che è anche una band musicale. “I braccianti qui continuano a lavorare e a vivere senza alcuna precauzione”, spiega il leader del gruppo, Gianluca Castaldi. “Da una parte non possono permettersi di non andare a lavoro, dall’altra non hanno abbastanza informazioni sul tema del Coronavirus. Molti di loro -aggiunge Gianluca- pensano davvero che gli africani non possano ammalarsi di Covid-19”.

Lo scorso anno i Kalifoo Ground, grazie al finanziamento del bando PartecipAzione di Intersos e Unhcr, hanno potuto realizzare un progetto ambizioso e originale: organizzare concerti ed eventi culturali che fossero occasioni anche per diffondere informazioni sul diritto di asilo, sui servizi per i migranti e sullo sfruttamento lavorativo. In questi giorni di emergenza Coronavirus tutte le attività di sportello e di aggregazione sociale sono ferme ma loro no: oltre allo “speakeraggio” tra i braccianti -in inglese, francese, twi, awusa e babarà- i Kalifoo Ground sono già da diverse settimane impegnati a Caserta per dare una mano agli anziani che non possono uscire a fare la spesa o andare in farmacia. E per andare in soccorso delle famiglie in difficoltà alle quali portano i pacchi di cibo presi attraverso il Banco Alimentare o donati dai supermercati. Il tutto organizzato insieme agli altri membri della Rete solidale per Caserta: la Caritas Caserta, l’ex centro sociale “Ex Canapificio” , il Movimento migranti e rifugiati e il Comitato città viva.

 

 

I Kalifoo Ground hanno inoltre realizzato insieme a Emercency video informativi sul Coronavirus in diverse lingue.

 

Storie e notizie

Con PartecipAzione in rete il programma continua per le associazioni delle edizioni passate

Dalla volontà di supportare proposte progettuali sviluppate in collaborazione dalle associazioni della rete, nasce PartecipAzione in Rete, il percorso che intende rafforzare le competenze nella scrittura dei progetti tramite un approccio partecipativo.  Nel 2021 INTERSOS e UNHCR hanno per la prima volta previsto un percorso di affiancamento nella progettazione destinato alle associazioni che hanno partecipato alle edizioni passate del programma PartecipAzione.   Il percorso, dopo una serie di momenti di condivisione e riflessione interni alla rete, propone di continuare a sviluppare le capacità operative delle associazioni e la collaborazione tra di loro, finanziando tre proposte co-progettuali identificate dalle […]

Leggi di più…

Pubblicato in News

PartecipAzione 2021: Nel ghetto di Borgo Mezzanone l’integrazione parte dal basso

Nata spontaneamente in uno dei più grandi ghetti d’Italia, il Faro del Borgo fornirà supporto informativo alla comunità migrante e rifugiata impegnata nel bracciantato agricolo.  Nel gennaio 2020, si forma nel ghetto di Borgo Mezzanone il gruppo delle Advocacy Antenne, otto persone fra ragazzi e ragazze provenienti da Nigeria, Guinea Conakry, Somalia, Camerun, Ghana e Niger, selezionati per un progetto di advocacy all’interno dell’insediamento abitativo.  Il […]

Leggi di più…

Tutti gli articoli
PartecipAzione, azioni per la protezione e la partecipazione dei rifugiati

un programma di empowerment e capacity building realizzato da