News

CORONAVIRUS, A CASTEL VOLTURNO I KALIFOO GROUND INFORMANO I BRACCIANTI.

I membri della band musicale consegnano anche pacchi alimentari alle famiglie in difficoltà.

 

Il furgone, un microfono e un amplificatore. E via per le periferie e per le campagne di Castel Volturno, in provincia di Caserta, a spiegare ai migranti della zona -molti dei quali braccianti– quali sono le misure igienico-sanitarie da seguire per evitare il contagio da Covid-19 e quali le disposizioni del Governo sugli spostamenti. A svolgere questa fondamentale attività durante l’emergenza, in un contesto sociale dove di informazione ce n’è pochissima, sono i Kalifoo Ground. Un’associazione di volontariato, costituita da due italiani e tre rifugiati di diversi paesi africani, che è anche una band musicale. “I braccianti qui continuano a lavorare e a vivere senza alcuna precauzione”, spiega il leader del gruppo, Gianluca Castaldi. “Da una parte non possono permettersi di non andare a lavoro, dall’altra non hanno abbastanza informazioni sul tema del Coronavirus. Molti di loro -aggiunge Gianluca- pensano davvero che gli africani non possano ammalarsi di Covid-19”.

Lo scorso anno i Kalifoo Ground, grazie al finanziamento del bando PartecipAzione di Intersos e Unhcr, hanno potuto realizzare un progetto ambizioso e originale: organizzare concerti ed eventi culturali che fossero occasioni anche per diffondere informazioni sul diritto di asilo, sui servizi per i migranti e sullo sfruttamento lavorativo. In questi giorni di emergenza Coronavirus tutte le attività di sportello e di aggregazione sociale sono ferme ma loro no: oltre allo “speakeraggio” tra i braccianti -in inglese, francese, twi, awusa e babarà- i Kalifoo Ground sono già da diverse settimane impegnati a Caserta per dare una mano agli anziani che non possono uscire a fare la spesa o andare in farmacia. E per andare in soccorso delle famiglie in difficoltà alle quali portano i pacchi di cibo presi attraverso il Banco Alimentare o donati dai supermercati. Il tutto organizzato insieme agli altri membri della Rete solidale per Caserta: la Caritas Caserta, l’ex centro sociale “Ex Canapificio” , il Movimento migranti e rifugiati e il Comitato città viva.

 

 

I Kalifoo Ground hanno inoltre realizzato insieme a Emercency video informativi sul Coronavirus in diverse lingue.

 

Storie e notizie

PartecipAzione 2021: Roma, i rifugiati portano al teatro un classico della letteratura sudanese

Dall’incontro di due realtà associative di Roma nasce l’idea di un progetto teatrale come motore per l’integrazione sociale dei rifugiati in Italia. Nel 2003, un gruppo di genitori degli studenti dell’Istituto Manin del quartiere Esquilino di Roma si riunisce con un’idea, ridare vita ad alcuni spazi inutilizzati dell’Istituto. La valorizzazione di questi spazi ha dato […]

Leggi di più…

PartecipAzione 2021: ecco i nomi delle organizzazioni di rifugiati selezionate per la quarta edizione del programma di Intersos e UNHCR

Sono otto, di cui sei immediatamente finanziabili e due in base ad ulteriore disponibilità di fondi, le organizzazioni selezionate per la quarta edizione di PartecipAzione, il programma di Intersos e UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, che promuove la partecipazione attiva delle persone rifugiate nella vita economica, sociale e culturale in Italia. Le organizzazioni selezionate ed […]

Leggi di più…

Pubblicato in News
Tutti gli articoli
PartecipAzione, azioni per la protezione e la partecipazione dei rifugiati

un programma di empowerment e capacity building realizzato da