News

IL CORONAVIRUS SPIEGATO AI RIFUGIATI: NEW YORK TIMES E REUTERS CELEBRANO IL GRANDE COLIBRì.

L’associazione di volontariato -tra le vincitrici di PartecipAzione 2018- sta diffondendo testi e video tradotti in 47 lingue per i migranti in Italia.

 

Indicazioni chiare sul Coronavirus per chi non conosce la lingua italiana. Questo l’enorme lavoro che Il Grande Colibrì, l’associazione di volontariato che fornisce supporto ai rifugiati e richiedenti asilo LGBT, sta facendo, da quando in Italia è scoppiata l’emergenza, insieme ad una vasta rete di organizzazioni: Naga, Arca di Noè, Terra Mia, Scuola Frisoun e Camera a Sud. Si tratta di materiale informativo, scritto e video, sul nuovo coronavirus SARS-CoV-2 e sull’epidemia di COVID-19 in Italia che i volontari dell’associazione hanno tradotto in 47 lingue.

Il lavoro è stato messo in risalto anche dalla stampa mondiale: ne hanno parlato sia Reuters che il New York Times. “Quasi 80mila persone -scrivono- hanno visitato in pochi giorni il sito de Il Grande Colibrì per vedere i video, che vengono costantemente aggiornati”.

In Italia queste istruzioni sulle norme igieniche basilari, tradotte dal Grande Colibrì, sono state inserite sui siti dell’Istituto superiore di Sanità e della Direzione generale dell’immigrazione del Governo italiano e richiamate anche nella mappa dei servizi dei rifugiati, curata Arci e Unhcr, la Juma Map, che contiene tutto il materiale divulgativo in diverse lingue fornito da istituzioni e altre associazioni dell’intero territorio italiano .

Il Grande Colibrì adesso ha un obiettivo ancora più grande: vuole ampliare ulteriormente la produzione di informazioni utili ai migranti e per questo chiede aiuto ai servizi sociali dei Comuni, alle scuole, alle parrocchie e a tutti i volontari che possano dare un contributo nel tradurre i documenti in altre lingue e dialetti e nel fornire ulteriori contenuti da condividere, di natura legale per esempio. A questo proposito è partita anche, da qualche settimana, la collaborazione con Intersos per mettere a punto un pacchetto di traduzioni per i rifugiati e richiedenti asilo che sono in Grecia.

Il Grande Colibrì, che ha vinto nel 2018 il finanziamento del progetto ParteciPazione di Intersos e Unhcr, in questo periodo ha dovuto sospendere tutte le sue attività sui territori (Bologna, Piacenza, Lecco e Torino) “ma -spiega Lyas Laamari, rifugiato algerino, vice presidente dell’associazione- oltre al lavoro di informazione sull’epidemia, continuiamo sempre a  pubblicare notizie sulla condizione delle persone LGBT nel mondo e stiamo aggiornando la mappa degli sportelli rivolti a persone migranti, richiedenti asilo e rifugiate LGBT su tutta Italia (https://www.ilgrandecolibri.com/migranti/).

 

 

Storie e notizie

PartecipAzione 2021: Roma, i rifugiati portano al teatro un classico della letteratura sudanese

Dall’incontro di due realtà associative di Roma nasce l’idea di un progetto teatrale come motore per l’integrazione sociale dei rifugiati in Italia. Nel 2003, un gruppo di genitori degli studenti dell’Istituto Manin del quartiere Esquilino di Roma si riunisce con un’idea, ridare vita ad alcuni spazi inutilizzati dell’Istituto. La valorizzazione di questi spazi ha dato […]

Leggi di più…

PartecipAzione 2021: ecco i nomi delle organizzazioni di rifugiati selezionate per la quarta edizione del programma di Intersos e UNHCR

Sono otto, di cui sei immediatamente finanziabili e due in base ad ulteriore disponibilità di fondi, le organizzazioni selezionate per la quarta edizione di PartecipAzione, il programma di Intersos e UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, che promuove la partecipazione attiva delle persone rifugiate nella vita economica, sociale e culturale in Italia. Le organizzazioni selezionate ed […]

Leggi di più…

Pubblicato in News
Tutti gli articoli
PartecipAzione, azioni per la protezione e la partecipazione dei rifugiati

un programma di empowerment e capacity building realizzato da