News

COVID-19: MOSAICO INSIEME AL COMUNE DI TORINO PER AIUTARE I SENZATETTO.

L’associazione di rifugiati ha chiesto il supporto dell’Assessorato delle Pari Opportunità per portare cibo e kit igienici negli edifici occupati.

 

L’associazione di rifugiati Mosaico è al fianco delle istituzioni per aiutare i senzatetto di Torino ad affrontare l’emergenza Covid-19.

“In questi giorni -ci racconta il presidente Berthin Nzonza – gli operatori dell’associazione, nell’ambito del progetto Oasi on the street, stanno monitorando le strade della città e le stazioni, stanno cercando di capire cosa succede negli edifici occupati, quali sono i bisogni di chi vive lì e anche di chi passa la notte nei dormitori ma al mattino si ritrova in strada”. “Con le restrizioni previste dai decreti -spiega Nzonza- le mense, le case di quartiere, le biblioteche e tutti gli spazi diurni di aggregazione sono chiusi. E in tanti restano per strada tutto il giorno senza la possibilità di proteggersi da un eventuale contagio”. Ma qualcosa si sta muovendo nel verso giusto: l’associazione Mosaico è stata invitata al tavolo convocato dall’assessorato dei Diritti e delle Pari Opportunità del Comune di Torino, insieme ai responsabili dell’ufficio stranieri e dei servizi sociali, e qui ha presentato le sue proposte: portare cibo e kit igienici negli insediamenti informali della città e intervenire, dove necessario, con assistenza sanitaria attraverso i medici della rete GrIs (Gruppi Immigrazione e Salute).

L’associazione in realtà ha già cominciato a darsi da fare in autonomia grazie al sostegno di Compagnia di San Paolo -spiega il presidente di Mosaico- ma è importante che queste azioni vengano supportate dal Comune e venga definito un intervento strutturato”.

Dal canto suo, l’amministrazione comunale ha comunicato che sta già provvedendo a dare una risposta al problema dei centri diurni: sono state individuate alcune strutture che nei prossimi giorni verranno aperte al mattino per accogliere i senza fissa dimora. Qui, con l’aiuto dei mediatori culturali e degli operatori dell’associazione, verranno date ai migranti anche le informazioni sulle norme per prevenire il contagio.

Tutto ciò che occorre sapere per affrontare l’emergenza è anche sul sito di Mosaico dove sono riportate in italiano, inglese, francese e arabo le indicazioni igieniche da seguire, le disposizioni per gli spostamenti e i numeri da contattare in caso di sintomi.

 

 

Mosaico-Azioni per i rifugiati è un’associazione fondata nel 2006 da un gruppo di rifugiati. Nel 2018 ha vinto il bando PartecipAzione con il progetto Oasi che aiuta i migranti e alle persone più vulnerabili a orientarsi a Torino e a conoscere i servizi disponibili per loro sul territorio. Da questo lavoro è poi nata anche una app, Oasi on the street.-

 

 

 

Storie e notizie

Con PartecipAzione in rete il programma continua per le associazioni delle edizioni passate

Dalla volontà di supportare proposte progettuali sviluppate in collaborazione dalle associazioni della rete, nasce PartecipAzione in Rete, il percorso che intende rafforzare le competenze nella scrittura dei progetti tramite un approccio partecipativo.  Nel 2021 INTERSOS e UNHCR hanno per la prima volta previsto un percorso di affiancamento nella progettazione destinato alle associazioni che hanno partecipato alle edizioni passate del programma PartecipAzione.   Il percorso, dopo una serie di momenti di condivisione e riflessione interni alla rete, propone di continuare a sviluppare le capacità operative delle associazioni e la collaborazione tra di loro, finanziando tre proposte co-progettuali identificate dalle […]

Leggi di più…

Pubblicato in News

PartecipAzione 2021: Nel ghetto di Borgo Mezzanone l’integrazione parte dal basso

Nata spontaneamente in uno dei più grandi ghetti d’Italia, il Faro del Borgo fornirà supporto informativo alla comunità migrante e rifugiata impegnata nel bracciantato agricolo.  Nel gennaio 2020, si forma nel ghetto di Borgo Mezzanone il gruppo delle Advocacy Antenne, otto persone fra ragazzi e ragazze provenienti da Nigeria, Guinea Conakry, Somalia, Camerun, Ghana e Niger, selezionati per un progetto di advocacy all’interno dell’insediamento abitativo.  Il […]

Leggi di più…

Tutti gli articoli
PartecipAzione, azioni per la protezione e la partecipazione dei rifugiati

un programma di empowerment e capacity building realizzato da