News

EMERGENZA COVID, A NAPOLI I RAGAZZI DI TOBILI’ CONSEGNAGNO LA SPESA SOLIDALE.

I giovani rifugiati, che lavorano nel ristorante aperto dall’associazione, in questi giorni stanno collaborando come volontari con la cooperativa Less e portano alimenti e farmaci alle famiglie con difficoltà economiche.

 

I locali sono chiusi, come in tutta in Italia. Ma in Campania un’ordinanza non consente nemmeno le consegne a domicilio. I ragazzi di Tobilì tuttavia non sono rimasti con le mani in mano. Tobilì è un’associazione di rifugiati che, dopo aver organizzato, grazie al finanziamento di PartecipAzione 2019, corsi di cucina e pasticceria per gli ospiti dello Sprar, ha aperto a Napoli un ristorante. Adesso, non potendo lavorare nemmeno come servizio di catering, sta collaborando con la cooperativa sociale Less: i membri dello staff consegnano pacchi alimentari sia ai napoletani che agli stranieri con difficoltà economiche. Grazie ai soldi della raccolta avviata da Less, insieme ai fondi di solidarietà messi a disposizione da diverse realtà (Banco di Napoli, supermercati, gruppi di cittadini e altri enti), riescono a fare la spesa per le famiglie bisognose dei quartieri Spagnoli, del rione Sanità e anche dell’hinterland: fino al 7 aprile hanno fatto un centinaio di consegne.

La loro storia è stata raccontata anche dalla rivista americana Time in un articolo in cui spicca una foto di Nagi, Felix e Robert di Tobilì che acquistano frutta e verdura per i pacchi solidali. Per farne richiesta è stato attivato il numero verde 800-119-477: i cittadini in difficoltà possono chiamare per chiedere cibo, medicinali, supporto psicologico, disbrigo dei servizi postali e per gli stranieri orientamento ai servizi pubblici, assistenza legale e mediazione linguistica.

 

Fa capo alla cooperativa Less anche un’altra bella iniziativa nata in questo periodo: i rifugiati dello Sprar di Napoli e Procida confezionano mascherine per i senzatetto, per le associazioni e per i privati che ne hanno bisogno. A realizzarle sono quattro sarte rifugiate e richiedenti asilo: Justina, Rachel, Zainab e Rhoda, provenienti dalla Nigeria e dalla Costa d’Avorio. E due sarti, Syll, senegalese, e Blessed, nigeriano, titolari di protezione internazionale.

 

Storie e notizie

Con PartecipAzione in rete il programma continua per le associazioni delle edizioni passate

Dalla volontà di supportare proposte progettuali sviluppate in collaborazione dalle associazioni della rete, nasce PartecipAzione in Rete, il percorso che intende rafforzare le competenze nella scrittura dei progetti tramite un approccio partecipativo.  Nel 2021 INTERSOS e UNHCR hanno per la prima volta previsto un percorso di affiancamento nella progettazione destinato alle associazioni che hanno partecipato alle edizioni passate del programma PartecipAzione.   Il percorso, dopo una serie di momenti di condivisione e riflessione interni alla rete, propone di continuare a sviluppare le capacità operative delle associazioni e la collaborazione tra di loro, finanziando tre proposte co-progettuali identificate dalle […]

Leggi di più…

Pubblicato in News

PartecipAzione 2021: Nel ghetto di Borgo Mezzanone l’integrazione parte dal basso

Nata spontaneamente in uno dei più grandi ghetti d’Italia, il Faro del Borgo fornirà supporto informativo alla comunità migrante e rifugiata impegnata nel bracciantato agricolo.  Nel gennaio 2020, si forma nel ghetto di Borgo Mezzanone il gruppo delle Advocacy Antenne, otto persone fra ragazzi e ragazze provenienti da Nigeria, Guinea Conakry, Somalia, Camerun, Ghana e Niger, selezionati per un progetto di advocacy all’interno dell’insediamento abitativo.  Il […]

Leggi di più…

Tutti gli articoli
PartecipAzione, azioni per la protezione e la partecipazione dei rifugiati

un programma di empowerment e capacity building realizzato da