News

MOS, sportello lavoro e laboratorio video: la ricetta per l’autonomia e l’inclusione dei rifugiati

Il Movimento Omosessuale Sardo nasce a Sassari nel 1992 e intensifica la propria attività a partire dal 2012 con la costituzione dello Sportello Migranti, servizio di prima assistenza, consulenza e supporto alle persone migranti SOGI (Sexual Orientation Gender Identity), ovvero costrette a lasciare il proprio Paese a causa dell’orientamento sessuale o dell’identità di genere. Col tempo il MOS si allarga: nel febbraio del 2022 viene istituito il Centro Contro le Discriminazioni.

Poi l’incontro con PartecipAzione, il programma promosso da INTERSOS e UNHCR, grazie al quale l’associazione realizzerà un progetto rivolto a persone beneficiarie di protezione internazionale e richiedenti asilo mirato, da un lato,  a fornire le competenze necessarie per il raggiungimento dell’autonomia economica e abitativa e, dall’altro, a favorire l’inclusione e la convivenza. Il progetto, in particolare, si articola in due macro-aree. Una legata all’orientamento e all’inserimento lavorativo e una volta alla creazione di un percorso creativo con un laboratorio video partecipativo. 

La prima si avvarrà del lavoro di una psicologa-psicoterapeuta e di un’assistente sociale e mediatrice interculturale per condurre colloqui di conoscenza e di analisi delle competenze e laboratori di gruppo sul team building. Sono previste anche attività di mentoring per la ricerca di lavoro, corsi di formazione e tirocini, oltre a una guida alla rete territoriale e a corsi di alfabetizzazione informatica di base, tecniche relazionali e di comunicazione.

Il lato creativo, invece, prenderà forma nel laboratorio video “La città immaginata” con l’obiettivo di attivare nei partecipanti sia la ricerca di sé che il senso di appartenenza comunitaria attraverso l’incontro con l’altro e l’esplorazione del contesto sociale.

L’acquisizione delle competenze permetterà a rifugiati e richiedenti asilo di diventare a loro volta tutor per nuovi utenti e assumere così un ruolo attivo all’interno dell’associazione, attraverso un’educazione tra pari.

Storie e notizie

PartecipAzione 2022: dai corsi di italiano ai laboratori di cucina, le tante strade che portano all’integrazione

PartecipAzione: dai corsi di italiano ai laboratori di cucina, le tante strade che portano all’integrazione Focus sulle associazioni vincitrici dell’edizione 2022. Dieci progetti diversi per favorire l’inclusione delle persone rifugiate e richiedenti asilo che vivono in Italia Ci sono i corsi di italiano per madri e bambini ucraini e quelli sulla salute riproduttiva pensati per […]

Leggi di più…

L’integrazione fatta in cucina, da Origens un progetto delizioso per le donne rifugiate

Il nome – “MOMO – Rifugiamoci in cucina” – è un manifesto e commemora una donna, Monica Dal Maso, mancata prematuramente alla città di Bari e a cui si deve il primo laboratorio di cucina nato all’interno dello Sprar “Giovinazzo”. Non a caso Origens, associazione attiva da oltre 14 anni nel campo dell’intercultura, ha deciso […]

Leggi di più…

Tutti gli articoli
PartecipAzione, azioni per la protezione e la partecipazione dei rifugiati

un programma di empowerment e capacity building realizzato da