News

Camrol, a Roma un corso di pasticceria solidale per l’integrazione delle rifugiate

L’integrazione si fa anche in cucina. Nasce da questa idea il progetto “Cake Master Lab For Refugees” da CAMROL – Camerunesi di Roma e Lazio, associazione ha sempre messo al centro del proprio operato l’inclusione socio-economica dei propri membri all’interno della società italiana attraverso l’organizzazione di attività, eventi e percorsi di formazione.

Questa volta sono state le donne le protagoniste di un corso di pasticceria solidale tenutosi nella periferia est di Roma, nel laboratorio In Piazza Lab. Dodici rifugiate e richiedenti asilo che si sono messe in gioco nel corso di otto incontri – per un totale di 32 ore di formazione complessive – durante i quali non solo hanno appreso le tecniche base della pasticceria, ma hanno anche imparato a fare squadra e, così facendo, a trasformare il corso in una costante opportunità di incontro e scambio culturale.

Tra le partecipanti, c’è chi sogna di diventare una cuoca professionista e lavorare in un ristorante come Xubi, somala, in Italia dal 2010, che dopo aver frequentato una scuola d’italiano ha deciso di mettersi in gioco e imparare le basi della pasticceria. “Ho molta difficoltà a trovare una casa – racconta – spero di riuscire a trovare presto lavoro e di avere nuove opportunità in futuro”. Blessing, nigeriana, vuole invece restituire l’aiuto che ha ricevuto quando è arrivata in Italia: “Voglio diventare operatrice sociosanitaria e lavorare in ospedale. Sono stata badante per diversi anni, e ho capito che mi piace aiutare le persone e sostenerle nelle difficoltà”. Olena è arrivata dall’Ucraina poco più di un anno fa, è felice perché adesso può preparare delle ottime torte per suo figlio di 7 anni: “La cucina italiana mi aiuta a sentirmi a casa. È molto più di cibo, è un modo di stare insieme”.

A guidarle, i due docenti, pasticceri professionisti di In Piazza Lab: Manuel e Bob, rifugiato del Camerun, che dopo aver svolto a sua volta un percorso di inserimento professionale ha deciso di coinvolgere il suo laboratorio di pasticceria nel progetto per condividere le proprie abilità e conoscenze e creare un’arricchente esperienza di apprendimento nel segno della multiculturalità.

Il progetto – supportato dall’edizione 2023 di PartecipAzione – si è concluso con un evento finale il 19 ottobre 2023 nella splendida cornice di Villa Borghese, presso la sede dell’UNAR -Unione delle Associazioni Regionali di Roma e del Lazio. Dopo la consegna degli attestati di partecipazione, un dolcissimo buffet preparato dalle neo-pasticcere ha deliziato tutti gli ospiti.

Storie e notizie

Formazione, a Roma due giorni dedicati al mondo del fundraising

Due giornate di formazione per navigare nel complesso mondo del fundraising e imparare a identificare le possibilità di finanziamento. Ma non solo: il workshop tenutosi gli scorsi 10 e 11 maggio nella sede di INTERSOS, a Roma, ha rappresentato anche un prezioso momento di incontro e scambio per le associazioni di rifugiati e richiedenti asilo […]

Leggi di più…

Al via i progetti della settima edizione di PartecipAzione

Ci sono i corsi di lingua e di training digitale per le persone rifugiate costrette a fuggire dalle zone di conflitto e quelli su salute riproduttiva e sessuale dedicati alle donne sopravvissute a violenza e sfruttamento. I laboratori di teatro comunitario e di creatività olistica e sostenibile, gli sportelli di supporto all’accesso agli studi pensati […]

Leggi di più…

Tutti gli articoli
PartecipAzione, azioni per la protezione e la partecipazione dei rifugiati

un programma di empowerment e capacity building realizzato da